Pubblicato: 22 Dicembre 2021  -  Ultimo aggiornamento: 29 Dicembre 2021

Crittografia esempi, dai campi di applicazione ai più noti casi d’uso

Crittografia esempi, dai campi di applicazione ai più noti casi d’uso

La crittografia è una tecnica molto preziosa in ottica di Cyber Security, che può dare un aiuto concreto nel proteggere e tutelare i dati.
In un mondo ormai completamente digitalizzato e che viaggia online, infatti, le azioni che compiamo nella rete e le informazioni che condividiamo – spesso involontariamente – sono innumerevoli ed è importante contare su delle soluzioni che ci aiutino a garantire sicurezza.

Per questo la cifratura ha oggi un ruolo attivo e di primo piano in diversi settori, rivelandosi uno strumento utile e più che mai attuale.

Vediamo quindi in questo articolo quali sono i principali esempi di crittografia.

Cos’è la crittografia?

Crittografia significa letteralmente scrittura segreta ed è una tecnica di origine antica utile per rendere illeggibili dati e informazioni consentendone la codifica solo a chi è autorizzato.
In questo modo si ha la possibilità di inviare messaggi e veicolare informazioni tutelando la privacy e garantendo sicurezza.

Per criptare i dati la cifratura si serve di chiavi di codifica e decodifica che funzionano grazie a degli algoritmi matematici e che sono in possesso solo degli utenti che possono effettivamente avere accesso a queste informazioni.
Esistono diversi tipi di crittografia, ma i principali sono la crittografia simmetrica, la crittografia asimmetrica e la crittografia quantistica, ognuna con caratteristiche e vantaggi differenti.

La cifratura è oggi una tecnologia estremamente importante nei piani di Cyber Security per proteggersi da violazioni e attacchi informatici ed è per questo utilizzata in diversi settori e per diversi scopi.

Vediamo di seguito quali sono i più comuni.

Crittografia esempi: facciamo una panoramica

I campi di applicazione della crittografia sono numerosi e sono tanti i casi in cui ne facciamo uso senza nemmeno rendercene conto.

È una tecnica talmente antica – si usava già, in una forma elementare, nell’Impero Romano – che negli anni si è evoluta e si è integrata sempre di più nella nostra quotidianità, rendendo più sicuri innumerevoli gesti e attività.
La difesa dei dati è infatti oggi una pratica di assoluta priorità, imprescindibile in un mondo dove i Big Data sono considerati il nuovo petrolio del nostro millennio, e per questo è facile capire come mai la crittografia si sia espansa a macchia d’olio.

Email e messaggistica

Uno degli esempi più comuni di crittografia è sicuramente la cifratura delle email.

Crittografando il contenuto di ciò che viene inviato tramite posta elettronica, infatti, si possono proteggere le conversazioni degli utenti e tutelare informazioni aziendali riservate.
Come?
A ogni indirizzo di posta è associata una chiave privata e solo chi ne è in possesso può decifrare le email.
I messaggi possono così essere letti solo da mittente e destinatario, evitando l’intrusione di terze parti.

Anche nelle piattaforme di messaggistica istantanea, come WhatsApp o Telegram, la crittografia è molto utile e utilizzata.
Grazie a una combinazione di crittografia simmetrica e crittografia asimmetrica, infatti, si può dare vita al protocollo Signal, che garantisce la riservatezza e l’integrità dei messaggi.

Infine è giusto citare il programma Pretty Good Privacy, o PGP, un software con cui inviare messaggi protetti tramite algoritmi di cifratura.
Per ricevere messaggi PGP si deve infatti rendere pubblica la propria chiave, che è solitamente una chiave pubblica di tipo RSA.

Uno degli esempi più comuni di crittografia è la cifratura delle email, con cui proteggere il contenuto dei messaggi.

Sicurezza delle pagine web

Per difendere i dati scambiati tra dispositivi e siti online, la crittografia entra in gioco grazie al protocollo HTTPS, garantendo la sicurezza delle pagine web e la tutela delle informazioni personali.

Le comunicazionie le connessioni tra un sito web e un browser, inoltre, sono comunemente crittografati utilizzando uno standard noto come SSL – Secure Socket Layer.
Grazie a questi protocolli i messaggi tra una pagina web e un browser possono attraversare grandi distanze fisiche senza temere che malintenzionati o terze parti si trovino tra il mittente e il destinatario accedendo ai dati inviati.

La firma digitale

Un esempio lampante di crittografia è la firma digitale, in cui le due chiavi di lettura vengono usate per verificare l’identità del mittente e l’integrità del documento sottoscritto.
In questo caso la firma è creata a partire da un’impronta digitale, ossia una stringa di dati ottenuta grazie a un algoritmo, con cui poi è possibile sintetizzare un testo in maniera univoca.
L’impronta viene quindi criptata ottenendo la firma digitale.

Questo espediente, basato sulla crittografia asimmetrica, è considerato incorruttibile e facilmente verificabile.
Inoltre, proprio perché la chiave privata è collegata a una sola persona, la firma digitale possiede la caratteristica di non ripudio, il che significa che è legalmente vincolante come la classica firma.

Criptovalute e blockchain

Anche nel settore delle criptovalute si possono notare esempi di cifratura, utili per garantire un livello di sicurezza maggiore e più efficace.
Quando un utente imposta una password al proprio portafoglio virtuale, infatti, sono spesso utilizzati algoritmi di crittografia con cui criptare i file usati per accedere al software.

Nel campo della blockchain, invece, ogni transazione è crittografata e decifrabile solo dal destinatario.
In questo modo la blockchain non ha bisogno di ulteriori protezioni per mettere in sicurezza i suoi dati, in quanto questi vengono resi indecifrabili a tutti coloro che non sono autorizzati ad accedervi.

Gli algoritmi

Parlando di crittografia simmetrica, l’algoritmo oggi più diffuso è l’Advanced Encryption Standard (AES), sviluppato alla fine degli anni ‘90 e divenuto uno standard pubblico alla fine del 2001.

Basato su diverse operazioni eseguite su blocchi di dati da 16 byte, ripetute più volte, e composto da tre algoritmi di cifrature a blocchi di 128 bit, nel 2003 la National Security Agency USA lo ha scelto per proteggere le informazioni governative classificate come secret.
E ha confermato l’AES a 192 e a 256 bit per i documenti top secret.

Tra gli algoritmi asimmetrici, invece, uno degli esempi più utilizzati è il Rivest-Shamir-Adleman (RSA), creato nel 1977 dai tre ricercatori del MIT – Massachusetts Institute of Technology di cui porta il nome.

Usato nei protocolli del commercio elettronico, è ritenuto sicuro per via delle chiavi sufficientemente lunghe e dell’uso di implementazioni sempre aggiornate.